Pierini: “Buon precampionato”

-

Domenica 30 agosto nuova amichevole allo stadio dei Pini contro il Sestri Levante in vista dell’esordio di campionato del 6 settembre.

di Redazione

Lotta alla droga, due arresti in Versilia

-

La prima è un ragazzo italiano di 32 anni, sorpreso in auto a Seravezza con 15 grammi di eroina suddivisa in diversi involucri e vario materiale utilizzato per il confezionamento. Nel secondo caso è stato fermato un marocchino di 33 anni fermato a Viareggio in via del Magazzeno con 6 grammi di cocaina già suddivisi in 10 dosi e di 305 euro in contanti risultati verosimilmente provento dell’attività di spaccio.

di Redazione

Stop alla causa Festival Puccini-Veronesi: l’ok del cda

-

 

A margine della riunione del Consiglio di Amministrazione di giovedì e’ stata ratificata la rinuncia all’azione ed alle domande correlate per la causa pendente dinanzi al Tribunale di Lucca tra il Maestro Alberto Veronesi e la Fondazione Festival Pucciniano: causa cui il Maestro Veronesi aveva già dichiarato di rinunciare formalmente prima di accettare la nomina a Presidente dell’Ente.

A seguito della rinuncia del Maestro Alberto Veronesi la Fondazione Festival Pucciniano  rinuncia automaticamente e conseguentemente  alla “domanda riconvenzionale”  per danno all’immagine  e lite temeraria avanzata a scopo prettamente difensivo,   essendo venuto meno,  con la rinuncia del maestro Veronesi,  la materia del contendersi.

Alla discussione non ha partecipato il Maestro Alberto Veronesi che non ha neppure concorso alle decisioni adottate.

Contestualmente alla rinuncia alla causa,  il Maestro Veronesi ha inteso spontaneamente   rinunciare ad una parte delle spettanze maturate e non ancora liquidate dalla Fondazione, pur non essendo state poste in discussione nella causa. Si ricorda  a tal proposito che non vi era alcun  contenzioso riguardo alle prestazioni e ai compensi maturati relativi all’anno 2013, nella sua veste di consulente artistico e direttore musicale della Fondazione; compensi pacificamente riconosciuti  e regolarmente annotati nella contabilità della Fondazione.  

In merito alle prestazioni dell’anno 2013 e non oggetto di contenzioso, Il Maestro Alberto Veronesi ha rinunciato, in linea con la politica di spending review,  a percepire il 20% dei compensi relativi alla consulenza e alle sette direzioni d’orchestra e, per questo, percepirà, entro il 30 giugno 2016, 58.000 Euro lordi contro i 73.000 lordi contrattualmente dovutigli e risultanti dalle fatture da ricevere, iscritte nel bilancio consuntivo 2013 della Fondazione,  approvato nel 2014.

Il Maestro Alberto Veronesi ha assunto a suo carico tutte le spese legali, comprese, quindi,  quelle della Fondazione. La causa sarà conseguentemente abbandonata nell’udienza fissata per il prossimo 18 settembre  mettendo in tal modo una pietra tombale sul contenzioso.

 

di Redazione

La rete sotto il pontile trasformata in pollaio

-

“Le galline lasciate all’interno della rete sono scappate poco dopo e hanno girovagato per ore nella spiaggia senza cibo e senza acqua. Sono state inseguite dai bambini incuriositi ed anche dai cani – ha spiegato il vicesindaco, Daniele Mazzoni –. Con il pronto intervento dell’Asl e di un’associazione di Viareggio abbiamo evitato alle galline un destino ben diverso da quello che avevano intenzione gli attivisti”.

In mattinata sul posto era arrivato anche il sindaco Mallegni che accettando lo scherzo aveva posato con una padella in mano sotto la scritta “Uova per Salvini e Mallegni”.

 

di Redazione

Gravissima dopo la caduta dallo scooter

-

Le sue condizione sono apparse subito molto gravi ai soccorritori della Croce Verde di Forte dei Marmi intervenuti sul posto insieme all’automedica e così dopo un primo ricovero all’ospedale Versilia, i medici ne hanno deciso il trasferimento a Cisanello (Pisa).

di Redazione

Tallio nelle scuole: scatta una nuova ordinanza

-

 

Il tallio, durante i controlli di Gaia chiesti dal Comune, è stato riscontrato in percentuale di 3 microgrammi al litro (il limite di sicurezza è di 0,2) nella tubatura finale del contatore esterno della scuola elementare e nido dell’Africa nei confronti della quale è già stata predisposta la sostituzione del tratto di rete dove è stata rilevata la contaminazione.

Il ferro in misura abnorme è stato invece rilevato nella scuola dell’infanzia di Strettoia dove è stata trovata traccia anche di ammonio anche se entro i limiti, nella scuola del capoluogo, alla primaria del Pollino, alla materma (anche tracce di nitrito) e primaria Quadrellara (dove sono state rilevate anche tracce di manganese).

“L’enorme lavoro di mappatura – commenta il sindaco Massimo Mallegni – è un atto di garanzia nei confronti della comunità. Abbiamo chiesto un campionamento anche dentro le scuole all’Asl per verificare eventuali altri sedimenti a parte il tallio: la salute è una cosa seria. Ho provveduto ad emettere una ordinanza di divieto di potabilità per questi complessi e alla conseguente sostituzione delle tubature per rimuovere la presenza di ferro e degli altri sedimenti intercettati. I sedimenti rilevati non erano lì da ieri. Nessuno – conclude – fino ad oggi li aveva cercati. La nostra priorità è la salute”.

di Redazione

Carnevale estivo flop: “Ma gratis non si può”

-

 

I numeri parlano chiaro: in tutto circa 8mila spettatori paganti in tre serate, una manciata  di cumulativi venduti in prevendita,   per un introito che arriva ad appena 100mila euro, ben al di sotto dei costi sostenuti per l’organizzazione delle sfilate di Ferragosto, che alla fine anzi di rimpinguare le casse di Burlamacco le hanno ulteriormente svuotate.  Il deficit previsto è di circa 50mila euro.

Con queste cifre impossibile non fare autocritica per il Commissario straordinario Stefano Pozzoli, riuscito a febbraio nell’impresa impossibile del pareggio di bilancio e promosso a pieni voti. “Ho sbagliato” – ha ammesso senza giri di parole dalla sua pagina Facebook.  Gli errori riconosciuti dal commercialista fiorentino partono dalle date. Il ponte di Ferragosto, se da una parte ha goduto del pienone estivo dall’altra ha subito la concorrenza di decine di feste in spiaggia e nei locali della Versilia. Mea culpa poi sulla comunicazione e sulla promozione, quasi assente. “Ci siamo affidati troppo al passaparola e al sostegno della città” – ammette Pozzoli. Sostegno che non è arrivato neppure nell’acquisto dei cumulativi nei mesi scorsi. “Contavamo di incassare circa 50mila euro dagli abbonamenti, ma così non è stato”.

E poi c’è  l’introduzione del biglietto a pagamento, contro cui tutti oggi sembrano puntare il dito. I 12 euro ad adulto chiesti per entrare, per la prima volta dal 1996, hanno evidentemente scoraggiato molti. Su questo Pozzoli è lapidario. “Il Carnevale gratuito non può esistere, le spese non sarebbero sostenibili. L’alternativa – spiega – sarebbe un’unica serata con due-tre carri senza sfilata, nella speranza di raccogliere sponsorizzazioni”.

Per la cronaca,  Massimo Breschi ha trionfato anche in estate. Il suo “Quello che non vorrei vedere” è stato premiato come il carro più emozionante, di un Carnevale estivo che di certo dovrà essere rivisto e corretto.

 

di Federico Conti

Tutti a lezione di sicurezza in mare

-

 

Tutti in spiaggia per imparare come vivere il mare in sicurezza. E’ stata una mattinata speciale per i bambini della colonia comunale di Forte dei Marmi che hanno assistito ad una esercitazione di salvataggio della Capitaneria di Porto di Viareggio, alla presenza del Comandate Davide Oddone e del sindaco di Forte Umberto Buratti. Lo scenario presentato è stato quello tipico delle emergenze: i bagnanti in mare che chiedono aiuto, l’sos dai bagnini e l’intervento spettacolare della moto d’acqua a riportare a riva i  nuotatori in difficoltà. Tutto da copione, tra gli applausi dei piccoli, ai quali sono state ricordate le buone regole per godersi il mare senza rischiare la vita.

 

L’operazione Mare Sicuro da giugno a oggi ha portato in dote 36 interventi effettuati e 17  persone aiutate. I decessi sono stati 5, ma solo 2 riconducibili ad ipotesi di annegamento: negli altri casi si è trattato di malori in spiaggia. Per il weekend del Ferragosto, in cui è atteso mare mosso, l’appello della Capitaneria è alla giusta prudenza.

 

di Federico Conti

Crolla una parte del tetto di Palazzo Littorio

-

Intorno alle ore 12:00 una parte del tetto dell’ex Palazzo Littorio è collassata rendendo necessario il transennamento dell’area. Appena appresa la notizia il Sindaco Del Dotto ha dato mandato di scrivere un telegramma all’Agenzia del Demanio per sollecitare l’immediato intervento di messa in sicurezza dell’edificio, per andare oltre le “lungaggini burocratiche che minano la conservazione di un bene storico, la sicurezza dell’edificio e che privano la cittadinanza di Camaiore di un bene pubblico con enormi potenzialità per lo sviluppo del centro cittadino”. Il Sindaco ha poi informato il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio, Luca Lotti, della situazione.
L’ex casa del Fascio è stata sede di delitti e torture durante la Seconda Guerra Mondiale e l’espressione “essere portati al Palazzo” veniva percepita a Camaiore e dintorni come la prospettiva di ricevere violenza. Successivamente l’edificio è stato utilizzato come sede scolastica.

di Redazione. Foto: Facebook