Bocciata la mozione di sfiducia per la Presidente Gifuni

VIAREGGIO. Paola Gifuni si è salvata. Non è passata la mozione di sfiducia nei confronti della Presidente del Consiglio Comunale presentata dal consigliere di Forza Italia Alessandro Santini e firmata dai gruppi di minoranza, ad esclusione del Pd.

-

Questa mattina nel corso del Consiglio Comunale la mozione è stata bocciata, con 9 voti favorevoli e 12 contrari. Erano assenti i consiglieri Consani, Puccetti e De Stefano. Accusata di non essere imparziale, di non aver convocato l’assise di fronte alle richieste protocollate dalla minoranza e di non essere rappresentativa dell’istituzione cittadina, la presidente Paola Gifuni, pur avendo diritto al voto, si è astenuta dal votare.
Per il promotore della mozione Santini è evidente il disagio di tutto il Consiglio per la condotta della Presidente. “Nessuno dei consiglieri di maggioranza infatti – sostiene l’esponente azzurro – è intervenuto per difendere l’operato della Gifuni. Ad intervenire sono stati solo Pasquinucci e Troiso solo per rimarcare le preoccupazioni della minoranza”.

A segnare sfaldature nella maggioranza sul caso Gifuni, secondo le minoranza – sarebbe anche l’addio del consigliere Maccioni che ha lasciato il gruppo Viareggio Democratica – espressione della stessa Presidente – per approdare alla lista Del Ghingaro.