Bracconaggio nel Massaciuccoli: sequestrati attrezzi e… marijuana

TORRE DEL LAGO. Conclusa un'imponente operazione antibracconaggio e di contrasto alla criminalità nel comprensorio del Massaciuccoli. Indagati due viareggini, fuggiti nel marzo scorso ai controlli dei GuardiaParco, accusati di ricettazione di armi e munizioni.

-

Grazie alla collaborazione tra le Guardie del Parco e i Carabinieri di Viareggio, a seguito di un intervento antibracconaggio dello scorso mese di marzo, sono state svolte indagini che hanno portato al sequestro di beni di sospetta provenienza illecita: durante una perquisizione domiciliare è stato tra l’altro individuato un “deposito” di piante di marijuana.
L’indagine è legata a numerosi episodi di furti e danneggiamenti avvenuti ai danni di cacciatori e pescatori lungo l’asse del fosso “Le Quindici”, tra Viareggio e Torre del Lago; dopo che due viareggini, nel tentativo di fuggire ai controlli della Vigilanza del Parco, si erano ribaltati con l’imbarcazione nelle acque della palude, I due soggetti – a seguito di lunghe indagini – sono risultati legati agli episodi di furti. Il blitz a casa dei due viareggini è scattato nei giorni scorsi: scoperti bilancia da pesca e numerose armi e munizioni, oltre che vari registratori, tagliole e reti da uccellagione, sequestrati in quanto mezzi non utilizzabili per la caccia. Uno dei due è stato sorpreso con  una piccola piantagione di cannabis.