Lago di Porta: cumuli di rifiuti e cattivi odori

PIETRASANTA. Anche gomme di auto nel “bottino” dei baby-spazzini protagonisti di “Puliamo il Mondo” nella zona protetta del Parco del Lago di Porta. Intanto è allarme tra i residenti per i cattivi odori che la zona paludosa emana.

-

Si sono presentati in 70, tutti alunni delle scuole del comprensivo 1 e 2 del Comune di Pietrasanta al bell’appuntamento con l’iniziativa promossa da Legambiente e Anci, con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente, del Ministero dell’Istruzione e di UPI. Nei decine di sacchetti riempiti tanta plastica, cartacce e tanti piccoli gesti di maleducazione e scarso amore per il territorio e l’ambiente. “Ogni cartaccia che finisce per terra è una piccola sconfitta per la comunità; – spiega Simone Tartatini, assessore all’ambiente – educare le nuove generazioni al rispetto dell’ambiente, a non abbandonare rifiuti, ad avere senso civico deve essere la nostra missione quotidiana di amministratori e genitori”. Insieme ai bambini, i loro insegnanti e molti genitori che hanno partecipato all’iniziativa: “gli adulti devono dare l’esempio – spiega ancora – i nostri gesti ed i nostri comportamenti sono molto importanti per formare i cittadini del futuro”.

Intanto tra i residenti scoppia la protesta per i cattivi odori che provengono dalla zona lacustre-paludosa e che invadono i centri abitati di Strettoia e Montiscendi. Il Consigliere Comunale del PD Nicola Conti chiede all’amministrazione Mallegni di intervenire.

Tag: