Sanità: già 10 mila le firme raccolte per il referendum

Sono circa 10mila le firme raccolte in poche settimane in Versilia per chiedere un referendum abrogativo della legge regionale 28 che riordina la sanità toscana.

-

Anche oggi al mercato di piazza Cavour a Viareggio in tanti si sono messi in fila per sottoscrivere il no all’accorpamento delle Asl. I timori – secondo il comitato referendario che riunisce anime politiche trasversali – sono legati alla possibile riduzione del personale e ai cambiamenti dovuti all’unione delle Asl Viareggio, Lucca e Massa.

Il Presidente della Conferenza dei Sindaci Ettore Neri esclude che l’Ospedale Versilia venga ridimensionato e tanto meno smantellato come si vocifera. “Ancora non si sa come cambierà l’ospedale Versilia – ammette tuttavia il sindaco all’indomani dell’incontro con il Commissario della ASL De Lauretis. “La Regione non ha dato indirizzi specifici. A breve partirà la fase conoscitiva che chiarirà anche agli addetti ai lavori la fisionomia della sanità di domani.”