Folla ai funerali di Nello, il pescatore morto nel naufragio

VIAREGGIO - Tanta gente oggi nella chiesa della Resurrezione al Varignano per i funerali di Nello Simonetti, il pescatore di 48 anni morto nel naufragio del peschereccio Giumar lo scorso 28 ottobre.

-

Una folla commossa ha riempito la Chiesa della Resurrezione del Varignano nel primo pomeriggio per dare l’ultimo saluto a Nello Simonetti, il pescatore viareggino scomparso dopo il naufragio del 28 ottobre del peschereccio Giumar, e ritrovato la scorsa settimana a largo delle coste di Portofino.
Tutto il quartiere si è stretto nel dolore intorno ai familiari, che per settimane hanno atteso che il mare restituisse il corpo di Nello.
A porgere le condoglianza alla famiglia l’amministrazione comunale di Viareggio, con il vicesindaco Rossella Martina a portare la fascia tricolore. Presente anche il Comandante della Capitaneria di Porto Davide Oddone, che ha coordinato le operazioni di ricerca e recupero. A celebrare la funzione, insieme al parroco del Varignano Don Marcello Brunini, c’era l’Arcivescovo di Lucca Monsignor Italo Castellani, che dopo aver abbracciato tutti i familiari di Nello, ha rivolto un abbraccio a tutto il mondo dei pescatori viareggini, per quella che ha definito una vera e propria tragedia del mare, auspicando che il mare possa al più presto restituire il corpo di Fabrizio, l’altro pescatore ancora disperso.