Slitta a giovedì il recupero del relitto del Giumar

VIAREGGIO. Slittano a giovedì le operazioni di recupero del relitto del Giumar, il peschereccio affondato a 5 miglia dal porto di Viareggio dopo il naufragio di mercoledì scorso.

-

A far riemergere l’imbarcazione, adagiata sul fondale del mare a 18 metri di profondità, sarà la draga Alfredo, già operativa al porto viareggino, con l’ausilio della società subacquea Underwater service e il coordinamento della Capitaneria di Porto. Il ritorno in banchina dovrebbe avvenire in tempi relativamente brevi. E’ quanto emerso dal summit tecnico avvenuto in Capitaneria nel pomeriggio di oggi, subito dopo il sopralluogo dei sub effettuato nella mattinata.

I costi della delicata e onerosa operazione di rimozione saranno a carico dell’armatore, ovvero la Cittadella della Pesca. Al momento sono esclusi danni all’ecosistema marino. Intanto sono proseguite anche oggi le ricerche dei due cugini pescatori, Nello e Fabrizio Simonetti, ma purtroppo ancora una volta senza esito.