Polveri sottili: 25 sforamenti a Viareggio nel 2015

VIAREGGIO. La città di Viareggio dall'inizio di gennaio a oggi ha superato per 25 volte il limite consentito dalle leggi in materia di polveri sottili. Lo rivela Arpat nel report di fine anno: "Fenomeni in miglioramento in Toscana."

-

Nell’ultimo mese, in tutta la Toscana si sono registrati 313 superamenti del limite giornaliero di 50 microgrammi/metro cubo fissato dalla normativa europea ed italiana. In 14 casi il valore superato è il doppio del limite, cioè più di 100 µg/m3.

Le fonti dell’inquinamento atmosferico, ed in particolare delle polveri sottili (PM10) – spiega Arpat –  sono sostanzialmente due nelle nostre città: il traffico ed il riscaldamento. Influenzate a loro volta dalle condizioni climatiche: assenza di pioggia e di vento, alta pressione (la situazione anomala di questi mesi invernali) ne favoriscono la concentrazione e la persistenza. Negli ultimi anni  – conclude Arpat – la qualità dell’aria in Toscana è migliorata ed anche l’emergenza di queste settimane registra livelli inferiori a quelli che interessano la Pianura Padana.