Espulso il senza tetto che aveva minacciato il sindaco Mallegni

VERSILIA - Espulso il giovane clandestino che aveva minacciato il sindaco Mallegni. Il giovane originario delle Isole di Capo verde, che nei giorni scorsi aveva occupato abusivamente in una struttura del parco della Versiliana e che, sorpreso dal primo cittadino di Pietrasanta Massimo Mallegni in persona lo aveva minacciato con un bastone, si è reso protagonista di un nuovo episodio.

-

Stavolta il giovane si è recato in un  albergo di lusso a Forte dei Marmi, pretendendo di essere alloggiato in una suite. Di fronte al diniego del personale di ricevimento e della proprietaria, il giovane ha avuto una reazione violenta colpendo con dei pugni un dipendente intervenuto per difendere la  proprietaria. E’ accorso immediatamente un agente della Polizia Municipale, che si trovava nei pressi dell’albergo, e poi la volante della Polizia di Stato.

Il capoverdiano, considerate le sue dimostrate condizioni di alterazione psichica, oltre alla denuncia per lesioni ricevuta dal Comando della Polizia Municipale di Forte dei Marmi, è stato sottoposto ad un trattamento sanitario obbligatorio. Terminata la cura, dimesso dall’Ospedale, è stato accompagnato al Centro di Identificazione ed Espulsione di Torino, tramite gli Agenti del Commissariato di P.S. di Forte dei Marmi, in seguito all’intervento dell’ Ufficio Stranieri della Questura di Lucca.

Il giovane straniero, che già aveva ricevuto il provvedimento di espulsione da osservare entro 7 giorni per il fatto delle minacce a Mallegni, dal Centro di Torino verrà accompagnato nel suo paese di origine.