Camaiore: via Imu e Tasi, Tari invariata

CAMAIORE - Il Consiglio Comunale ha approvato il bilancio di previsione 2016. Il via libera al testo – che stabilisce spese e investimenti del Comune – è arrivato nella seduta del 31 marzo. Le risorse a disposizione scendono di 200mila euro in tutto, a seguito delle novità introdotte dal Governo attraverso la legge di stabilità che ridefinisce Imu, Tasi e Irpef come trasferimenti e non come tributi.

-

 

Per il 2016 non si paga Imu e Tasi su prime e seconde case, né sui terreni agricoli. Il mancato gettito da oltre 2 milioni e 500mila euro sarà stornato direttamente dallo Stato. Sostanzialmente invariata la Tari, tassa sui rifiuti.  Si prevede un fondo esenzioni e agevolazioni da 170mila euro – per il quale è in corso un dialogo con i sindacati. Il 2016 vedrà l’estensione della raccolta porta a porta a Lido a maggio e a ottobre, arrivando a superare il 55% del territorio.

Non aumentano le tariffe per i servizi a domanda individuale. Il costo per pasto per le mense scolastiche rimane a quota 3,90 €, uno dei più bassi della Versilia. Ferme anche le tariffe per il trasporto scolastico, che ha visto di recente l’acquisto di sei nuovi mezzi. Per il servizio scuolabus c’è un fondo agevolazioni da 230 mila euro. Buone notizie per gli albergatori. Non sarà introdotta neanche quest’anno la tassa di soggiorno per non penalizzare – spiegano dal Comune –  il comparto turistico, strategico per Camaiore.

Sul fronte deficit, il parametro di indebitamento resta sotto il 5%. Per il 2016 il Comune prevede di accedere a mutui per non oltre 3 milioni di euro.

“Un bilancio con basi finanziare solide” – è il commento del sindaco Alessandro Del Dotto, che promette investimenti per la sicurezza  delle strade e delle colline.