Mallegni presenta ricorso in Cassazione per i reati prescritti

PIETRASANTA - Massimo Mallegni farà ricorso in Cassazione contro la prescrizione dei tre reati per i quali fu condannato in primo grado nel 2012 e prosciolto in Appello per prescrizione.

-

 

L’annuncio arriva all’indomani della pubblicazione delle motivazioni della sentenza con cui lo scorso 9 dicembre la Corte di Appello di Firenze aveva dichiarato cancellati per prescrizione  i tre reati rimasti in piedi per il sindaco di Pietrasanta, sui 52 caduti in primo grado. Abuso d’ufficio – per il passo carrabile del fratello, corruzione impropria – il viaggio a Venezia pagato da un imprenditore – e violenza privata per i bruschi rapporti con alcuni vigili urbani.

Mallegni dunque fa ricorso alla Corte suprema, forte delle motivazioni dei giudici di secondo grado che hanno definito inconsistenti sul piano delle prove le accuse dell’allora Pm Domenico Manzione che aprì l’inchiesta nel 2006.