Acqua “rossastra” contaminata in Alta Versilia

STAZZEMA - Sforamento consistente di alluminio, arsenico, nichel, manganesio e ferro nelle acque del torrente Turrite Secca in Alta Versilia, nella frazione stazzemese di Arni. Lo rileva Arpat a seguito del sopralluogo eseguito il 5 maggio insieme alla Polizia Municipale di Stazzema a seguito di segnalazioni per la presenza di sostanza rossastra.

-

L’acqua viene prelevata per uso alimentare, per questo sono partiti i controlli.  Arpat segnala una forte contaminazione. Per questo ha trasmesso i dati a Gaia e al Comune. Invitando l’amministrazione comunale ad attivarsi per ricercare la causa di tale immissione anomala. “Si ritiene inoltre opportuna da parte del gestore del servizio idrico” – raccomanda Arpat – “una verifica al serbatoio di alimentazione dell’acqua potabile presente nella zona, anche se l’analisi dell’acqua prelevata al rubinetto non ha evidenziato valori anomali.”