Arrestato con un arsenale di armi e munizioni rubate

CAMAIORE - Si era procurato un piccolo arsenale rubando armi e munizioni in due note armerie di Camaiore. Intenzionato, molto probabilmente, a risolvere a modo suo una storia d’amore finita male e il lavoro perso poche settimane prima.

-

E’ stato l’intervento dei Carabinieri a fermare Roldano Pardini, 45enne camaiorese, autotrasportatore disoccupato e incensurato, arrestato in flagranza di reato nella giornata di domenica dopo un tentativo di furto messo a segno poco prima all’armeria Pandolfi di via Italica di Lido di Camaiore. Lì aveva abbandonato sette pistole arraffate all’interno, una volta vistosi scoperto dai militari arrivati sul posto. E’ stato il furgone lasciato poco distante a ricondurre i Carabinieri all’uomo, che si era barricato in casa con le armi.

Due carabine, quattro pistole, un revolver e centinaia di colpi: il tutto era stato trafugato all’armeria Luigino di via Vittorio Emanuele  a inizio giugno. Altre due pistole sono state rinvenute, risultate rubate nel 2005 e con matricola abrasa.

Il camaiorese si trova in carcere a Lucca. Secondo i Carabinieri, l’uomo – emotivamente instabile e convinto di aver subito un torto per la perdita del lavoro – si sarebbe procurato le armi non per rivenderle ma con l’intento di farsi giustizia da solo.  Uno scenario che sarà chiarito dalle prossime indagini