Muore dopo aver assunto eroina, arrestato l’amico

PIETRASANTA - E' avvolta nel mistero la morte di un operaio di 42 anni della provincia di La Spezia deceduto nella notte dopo aver assunto una dose di eroina. Il fatto è successo in pieno centro storico, in via Garibaldi, nell'abitazione di un amico della vittima finito a sua volta nei guai per coltivazione di marijuana.

-

Secondo quanto ricostruito dai Carabinieri di Pietrasanta, non sarebbe stata la sola droga a causare la morte dell’uomo, con un difficile passato di tossicodipendenza dal quale cercava di uscire. Soffriva di asma: le condizioni di salute precarie associate all’eroina avrebbero portato alla morte, ma non si può parlare di overdose.

Poche ore dopo il decesso i militari hanno tratto in arresto l’amico, residente nell’abitazione di via Garibaldi: nel giardino interno l’uomo, un versiliese di 50 anni, disoccupato, con numerosi precedenti per spaccio, coltivava marijuana. I carabinieri hanno sequestrato 13 piante di cannabis “indica” dell’altezza variabile da 20 a 100 cm. Accusato di produzione e detenzione illecita di sostanza, l’uomo si trova ai domiciliari: nelle prossime ore sarà eseguito l’interrogatorio di garanzia. Per adesso sono escluse responsabilità dirette nella morte dell’amico assuntore di eroina.

Un giallo dunque sul quale stanno indagando i Carabinieri della Compagnia di Viareggio che dovranno far luce sulla dinamica dei fatti. Resta da capire infatti se sia stato fatto tutto il possibile per soccorrere il 42enne spezzino.