Sventola la Bandiera Blu, mentre si attende l’acido peracetico

PIETRASANTA - La Bandiera Blu sventola sul mare. Pietrasanta si conferma, per il 18esimo consecutivo, tra le spiagge italiane più pulite e belle d’Europa. Nella mattinata la cerimonia ufficiale al Pontile di Tonfano con tanto di sport acquatici per grandi e piccini.

-

Il riconoscimento della Fee, la Fondazione internazionale per l’Educazione Ambientale, ha premiato anche quest’anno il tratto di litorale che va da Fiumetto a Focette per la qualità delle acque, la pulizia delle spiagge ed i servizi erogati a turisti e residenti ma anche agli sforzi per la sostenibilità ambientale ed il miglioramento della vivibilità complessiva.

“La Bandiera Blu è la somma di più elementi – ha ricordato il Sindaco di Pietrasanta, Massimo Mallegni – che sono importanti perché racchiudono l’espressione di un territorio. Bandiera Blu non significa solo acque balneabili, significa territorio, decoro, pulizia, accoglienza.”

A portare i sui complimenti è arrivato anche il Presidente della Fee, Claudio Mazza: “La Bandiera Blu è nata 30 anni fa, Pietrasanta da 18 anni consecutivi la merita.

“Purtroppo abbiamo avuto qualche divieto di balneazione in concomitanza con le piogge” – ha sottolineato Francesco Verona, presidente dei Balneari di Marina. Ma oggi l’acqua è limpida e pulitissima – ha assicurato, complice il bel tempo che dura da settimane. Si dovrà attendere almeno metà settembre intanto per vedere realizzati gli impianti anti-inquinamento con l’utilizzo dell’acido peracetico alle foci del Fiumetto, Motrone e della fossa dell’Abate. Quando un’altra estate se ne sarà andata, sperando che la prossima sia davvero quella buona per risolvere il problema dei divieti.