Nicola Vacca vince il Premio Letterario Camaiore

CAMAIORE - Le parole, solo le parole/ che abbiamo il coraggio di pensare/ potranno dirci dove ci condurrà/ questa notte. E' Nicola Vacca con la raccolta poetica Luce Nera (edito da Marco Saya) il vincitore del XXVIII Premio Letterario Camaiore.

-

 

Nelle sale dell’Una Hotel Versilia il responso è arrivato al termine dello spoglio delle schede consegnate a inizio serata dai cinquanta membri della Giuria Popolare, tratto distintivo e fiore all’occhiello di questa manifestazione, presenti in sala insieme a un numeroso pubblico.

A contendersi l’edizione 2016, oltre al vincitore, gli altri quattro finalisti individuati dalla Giuria Tecnica del Premio: Cristina Annino con “Anatomie in fuga” (Donzelli), Dante Marianacci con “Scenari della mente” (Di Felice), Roberto Mussapi con “La piuma del Simorgh” (Mondadori) e Silvio Raffo con “La vita irreale” (Robin & sons).

La serata è stata presentata dal giornalista RAI Alberto Severi e impreziosita dalle letture dell’attrice Alessia Innocenti, interprete delle poesie premiate, indiscusse protagoniste della serata; a fare gli onori di casa, il Sindaco Alessandro Del Dotto e il Presidente del Premio Francesco Belluomini, alla testa della Giuria Tecnica formata da Corrado Calabrò, Emilio Coco, Vincenzo Guarracino, Paola Lucarini e Mario Santagostini.

Durante la cerimonia sono stati premiati anche i vincitori delle altre sezioni del Premio:

Premio Camaiore Proposta “Vittorio Grotti” a Davide Maria Quarracino – “Frangiflutti” – Lieto Colle

Premio Speciale 2016 a Franco Marcoaldi – “Il mondo sia lodato” – Einaudi

Menzione Speciale 2016 Poesia Italiana a Antonio Porta – Carmelo Pistillo – “Perché tu mi dici: poeta?” a cura di Carmelo Pistillo e

Fabio Jermini – La vita felice

Menzione Speciale 2016 Poesia Russa a Solomon Volkov – “Dialoghi con Josif Brodskij” a cura di Gala Dobrynina – Lieto Colle

Menzione Speciale 2016 a Nicoletta Di Gregorio – “A immagine persa”- Pegasus

Assente giustificata l’autrice nicaraguense Claribel Alegrìa, tra le maggiori esponenti della letteratura centro e sudamericana contemporanea e vincitrice del Premio Internazionale 2016 per l’opera “Voci” (Samuele Editore): a rappresentarla, oltre alle traduttrici dell’opera, Zingonia Zingone e Marina Benedetto, i figli Erik e Karen, che hanno portato i saluti della poetessa e hanno ringraziato sentitamente la Giuria del Premio per questo ennesimo, prestigioso riconoscimento.