Acqua marrone dai rubinetti: rimborsi in arrivo

MASSAROSA - Addio all'acqua marrone dal rubinetto entro il 2018, con due anni di anticipo. Lo ha annunciato il Presidente di Gaia Vincenzo Colle ascoltato oggi in Commissione Ambiente in Regione Toscana. In arrivo anche rimborsi in bolletta per l'acqua sporca sprecata.

-

In Commissione è stata passata ai raggi X la gestione del servizio idrico, dopo i vari incontri con i comitati di cittadini che anche in Versilia chiedono di lasciare o cambiare Gaia.

Tre milioni di euro saranno investiti per rifare la rete di tubazioni di Massarosa e sconfiggere il fenomeno dell’acqua marrone. “L’acquedotto risale agli anni Novanta ed è stato realizzato con materiali di scarsa qualità” – così Gaia spa ha motivato il colore scuro dell’acqua, che da anni invade la case, specie a Piano di Mommio. I lavori saranno eseguiti e conclusi entro il 2018 e rientrano in piano di investimenti da 10 milioni di euro.

“Nel contempo – ha detto ancora Colle – siamo intervenuti sostituendo 27 chilometri di rete, con lavaggi straordinari per diminuire i disagi e con il progetto di installare sistemi di rilevamento per avvisi preventivi ai cittadini. Stiamo inoltre studiando una forma di rimborso calcolata sulla quantità d’acqua sporca che gli utenti devono sprecare prima di ottenere quella pulita”.

In Regione si è parlato anche del caso Forte dei Marmi, dove gli utenti sono senza contatori e da molti anni ricevono bollette con quote fisse di consumo. “I contatori saranno tutti sostituiti entro il 2019”, ha assicurato Colle.

Sul nodo morosità, Gaia ha messo in campo azioni e misure accolte positivamente dalla commissione. Tra queste è già attivo il Fondo per utenze disagiate (circa 600mila euro), cui possono attingere cittadini segnalati dai servizi sociali per il pagamento delle bollette, che vengono anche protetti dal distacco del contatore per morosità.”