Imprese artigiane in calo: ripresa ancora lontana

LUCCA - E' ancora crisi nell'artigianato in Versilia. A rilevarlo è Confartigianato Imprese Lucca che ha reso noti dati del terzo trimestre 2016. Il numero delle aziende artigiane che operano sul territorio provinciale continua a calare.

-

Rispetto al 3° trimestre del 2015 il calo è di 189 unità pari a – 2,2%. Anche il numero degli addetti cala di 394 lavoratori pari a – 2,2%.

Tra le attività dove il calo è più significativo il comparto dell’autotrasporto con un – 4,4%, 57 imprese in meno. Segue l’edilizia con la scomparsa di 118 aziende pari al – 4,1%. Anche il manifatturiero continua la sua scesa segnando un – 1,7% per una perdita complessiva di 49 unità.  Si riscontra un aumento delle aziende che offrono servizi alle imprese, con un + 7,5% pari a 44 nuove aziende.

Riguardo poi all’imprenditoria femminile il numero totale di aziende in rosa rimane pressoché inalterato con un lieve incremento nella Piana di Lucca e Garfagnana rispetto alla Versilia.  Il Comune che vanta più aziende con al timone almeno una donna è Lucca, ben 1839 aziende seguito da Viareggio che ne conta 1500.

L’imprenditoria giovanile è calata del 5%. A Viareggio sono 509. Con il segno più solo le imprese straniere, con al meno un socio non italiano: il 2,2% in più.

“Purtroppo siamo ancora di fronte ad un ulteriore calo di imprese anche se più contenuto rispetto agli anni precedenti” – è il commento di ConfARTIGIANATO Imprese Lucca. “Il calo di nuove imprese è dovuto in parte al “rischio d’impresa” che in una situazione di stallo dei consumi scoraggia le persone ad aprire nuove botteghe.”