Muore cavatore a Carrara: sindacati pronti a tornare in piazza

VERSILIA - Un'altra morte bianca sulle Alpi Apuane. Un cavatore di 46 anni è morto a Carrara, schiacciato da un lastrone di marmo di due tonnellate staccatosi da una parete. La tragedia è avvenuta intorno alle 13 a Torano alla cava 5 Pastriccioli. Per l'operaio, sposato e in attesa di un figlio, fratello del titolare dell'attività, non c'è stato scampo.

-

I sindacati di Massa-Carrara hanno giù annunciato una giornata di sciopero per martedì. Solidarietà arriva dalla Fillea-Cgil della provincia di Lucca per una tragedia che colpisce tutto il distretto lapideo apuo-versiliese. Il segretario provinciale di Lucca Leonardo Quadrelli sta valutando una manifestazione in piazza la prossima settimana di valenza interprovinciale per sensibilizzare le istituzioni sull’ennesimo incidente mortale.

Risale ad aprile l’ultimo gravissimo incidente sulle Apuane costato la vita a due cavatori a Carrara. Pochi giorni dopo un operaio schiacciato in segheria a Massa. La scorsa settimana si è sfiorato il morto in Versilia: è ancora in ospedale infatti con un brutto ematoma epatico il giovane di Terrinca rimasto ferito in un incidente in cava venerdì mattina sul monte Corchia a Levigliani, colpito da un tubo su un fianco.