Burlamacco in lacrime, se n’è andato Elio Tofanelli

VIAREGGIO - E' morto questa mattina all'ospedale Versilia, dove era ricoverato da alcuni giorni, Elio Tofanelli, per un decennio presidente della Fondazione Carnevale. Aveva 79 anni.

-

La salma rimarrà all’obitorio dell’ospedale fino a martedi quando la Croce Verde la portera’ alle 11,30 alla Cittadella del Carnevale. Sempre martedì alle 15 il feretro sarà tumulato nella cappella di famiglian al cimitero di Viareggio.
Questo il comunicato con il quale la Fondazione Carnevale annuncia la scomparsa di Tofanelli.
“Il mondo del Carnevale di Viareggio è in lutto per la scomparsa di Elio Tofanelli, presidente della Fondazione dal 1998 al 2008: il decennio più importante della storia ultracentenaria della manifestazione con la nascita e l’inaugurazione della Cittadella. Durante il suo mandato ha portato “la tradizione verso il futuro” come amava ripetere in uno dei suoi slogan più efficaci. È stato lui, infatti nel 1999, a posare la prima pietra della Cittadella,  che ha poi inaugurato il 15 dicembre 2001. A tempo di record la sua presidenza ha visto concretizzarsi la grande fabbrica del carnevale di Viareggio, l’opera pubblica più bella e importante realizzata in Toscana negli ultimi decenni.
Figlio di Fernando Tofanelli, che guidò il difficile Carnevale della rinascita dopo la guerra, nel 1946, da sempre ha vissuto con profonda, passione, dedizione e competenza il carnevale di Viareggio, sia da amministratore che da politico.
Da un lato innovatore, dall’altro custode delle tradizioni, ha saputo, nel corso della sua lunga presidenza, valorizzare l’arte, le tradizioni e il patrimonio culturale del Carnevale. Fu la sua Fondazione a sperimentare, nel primo anno di amministrazione, l’inversione del senso di marcia dei carri nel circuito della Passeggiata, e l’apertura con il grande concerto di un big della musica mondiale: Carlos Santana. Nel 1999 rivoluzionò il calendario dei Corsi Mascherati, ripristinando il Corso del Martedì Grasso, senza rinunciare al Corso finale della Tabernella, portando a cinque il numero delle sfilate dei carri allegorici.
Da sempre sostenitore della forza dei giovani, si impegnò sia nel far emergere le nuove leve tra gli artisti della cartapesta, sia creando un team di giovani volontari, uniti dalla passione e amore per la manifestazione, il gruppo “I giovani e il carnevale”, al quale affidò la realizzazione di importanti iniziative di successo.
Grande esperto di comunicazione riuscì a riportare la diretta Rai nazionale dal Carnevale di Viareggio, mostrando a milioni di telespettatori la straordinaria arte della cartapesta dei costruttori, unici al mondo. Seppe valorizzare il prestigio della manifestazione istituendo i Premi Burlamacco e Ondina d’oro, ancora oggi assegnati a personalità di spicco del mondo dell’arte, della cultura, dello spettacolo, ma non solo. Tra i personaggi internazionali a cui ha assegnato i premi: Dario Fo e Franca Rame, Roberto Benigni, solo per citarne alcuni.
In segno di riconoscenza per il lungo impegno nel carnevale la Fondazione gli ha assegnato nel 2015 e nel 2016 due premi speciali il Sargentini e il Cravache, per aver esaltato la “magia del Carnevale” come amava ripetere.
“Con Tofanelli se ne va uno dei pilastri del Carnevale di Viareggio che ha fatto grande questa che non è solo una straordinaria manifestazione culturale e artistica, ma un vero e proprio modo di essere della città e dei suoi cittadini – dice la presidente della Fondazione Maria Lina Marcucci – Viareggio lo ricorderà per sempre”.
Questo invece il messaggio del sindaco Del Ghingaro.
«Viareggio oggi piange la scomparsa di Elio Tofanelli: la notizia della sua morte si è diffusa in città nelle prime ore di questo mattino di Natale.  Tofanelli lascia il ricordo di una persona per bene, impegnata nella vita sociale della città: un uomo della sinistra non solo viareggina, dirigente sportivo, amministratore. E’ stato al vertice della Fondazione Carnevale per 10 anni: indimenticato “Presidentissimo” con il fiocco enorme al collo e “la magia del Carnevale” nel cuore.  Come primo cittadino mi unisco al dolore della famiglia ed esprimo profondo cordoglio a nome mio e di tutta l’Amministrazione».