Fiaccolata per la strage “dimenticata da tutti gli italiani”

VIAREGGIO - I viareggini hanno risposto all'appello dei familiari delle vittime del 29 giugno 2009. Almeno duecento persone, sfidando il freddo, si sono ritrovate alla stazione giovedì sera, 29 dicembre, sette anni esatti dopo quell'occupazione dei binari voluta per chiedere i primi indagati.

-

Adesso si attende la sentenza di primo grado. Il 10 gennaio verrà svelato il giorno dell’udienza finale. Un giudizio sul quale fino all’ultimo incombe il rischio della prescrizione per i reati di incendio e lesioni colpose, contro la quale combattono ormai da anni i familiari del Mondo che Vorrei.

Un processo lento, quello che volge al termine, e sempre lontano dai riflettori dei media, per una strage – ha attaccato Daniela Rombi – ormai dimenticata dalla maggioranza degli italiani. Presenti familiari, attivisti, i rappresentati dei Comuni della Versilia e numerosi esponenti politici.

Dopo gli interventi la fiaccolata, attraverso il sottopasso ferroviario, fino alla casina dei ricordi. Dove sono stati letti allo scoccare delle 23.48 i 32 nomi dei morti. Un rito che i familiari ripetono ogni mese, da 7 anni e mezzo.