Balneari: via libera del CdM alla riforma delle spiagge

VERSILIA - Il consiglio dei ministri ha approvato il disegno di legge-delega per iniziare la riforma generale delle concessioni balneari. Il governo avrà sei mesi di tempo per varare la riforma in base ai principi enunciati nel disegno di legge.

-

https://youtu.be/BEkmCd07WKA
Le linee guida sono chiare e prevedono le aste, in modalità da definire. Ci sarà un periodo transitorio (quanti anni sarà deciso entro l’estate) e poi evidenze pubbliche tutelando la continuità aziendale e garantendo il riconoscimento del valore commerciale per chi perderà la propria impresa (anche in questo caso, secondo dei princìpi che saranno definiti con i decreti attuativi). Il governo ha inoltre intenzione di imporre il divieto di detenere più di due o tre concessioni per evitare concentrazioni lontane dal modello della piccola impresa.
Non c’è da cantare vittoria secondo Emiliano Favilla, balneare radicale del Comitato anti-Bolkestein. Nel disegno di legge non c’è traccia del doppio binario nè della proroga di 30 anni richiesta da anni. Ma per Lardinelli c’è ancora spazio per trattare.