Marco Daddio si candida a sindaco di Camaiore

CAMAIORE - Marco Daddio si candida a sindaco di Camaiore. Ha scelto la sua pagina Facebook il vulcanico balneare lidese e consigliere comunale per sciogliere la riserva su una candidatura ormai nell'aria da mesi, dopo il lancio dell'associazione “Idee”.

-

Alle elezioni di primavera Daddio punta a rappresentare “qualcosa di nuovo, un segnale diverso da dare alla gente amareggiata e delusa dal partitismo e dalla politica del non fare.”

Figlio di Sandro Daddio, figura storica della politica camaiorese, nel 2012 viene eletto con la lista civica “Per Matteucci Sindaco”, risultando il più votato, per poi aderire al gruppo di Forza Italia, tesserato già ai tempi del Popolo della Libertà.

Presidente della società camaiorese di pallavolo Upc Volley e uomo di spicco dell’associazione Abc di Lido, Daddio con la sua candidatura di fatto cristallizza le divisioni del centro destra. Con lui c’è infatti un pezzo di Forza Italia e tre consiglieri comunali su quattro. Accanto c’è la candidatura di Giampaolo Bertola, sindaco per due mandati, sostenuto dalla Forza Italia del commissario David Marcucci, dalla Lega e da Fratelli d’Italia e dall’associazione La Rondine. Una spaccatura nata all’indomani della sconfitta del 2012 e adesso sempre più marcata.

Dall’altra parte osserva, forse con un sorriso in più, il sindaco uscente del Pd Alessandro Del Dotto, candidato unico del centrosinistra. Alle prese tuttavia con il possibile arrivo dell’associazione Buon Vento del sindaco di Viareggio Giorgio Del Ghingaro a strappare consensi ai delusi del Pd con una lista ad hoc.

A completare il quadro c’è il Movimento Cinque Stelle che ha scelto Francesco Ceragioli, che per adesso è rimasto lontano dai riflettori.