Strage di Viareggio: condannati Moretti, Elia e Soprano

LUCCA - Letta la sentenza per la strage di Viareggio. I giudici hanno condannato Mauro Moretti, all'epoca a.d. di FS, a 7 anni. 7 anni e 6 mesi a Michele Elia (ex a.d. di Rfi). "Non sappiamo ancora dire se giustizia è fatta" hanno detto i superstiti e i familiari delle vittime; "parleremo domani mattina alle 11".

-

Mauro Moretti è stato giudicato colpevole, per lui le pena è di sette anni. Nel 2009 era ad di Ferrovie dello Stato, mentre ora è alla guida di Leonardo-Finmeccanica. L’accusa per lui aveva chiesto 16 anni. Condannato anche Michele Mario Elia, al tempo ad di Rfi. 7 anni e 6 mesi, ex presidente del consiglio di amministrazione di Ferrovie dello Stato Logistica Vincenzo Soprano. 9 anni ai vertici di Gatx.

Riconosciti i risarcimenti alle parti civili Regione Toscana, Comune di Viareggio e dei vari familiari. Condannate per illecito amministrativo le società Gatx, Rfi, Trenitalia e Officine Jungenthal.

“La sentenza dice che ciò che è successo non è colpa del destino, ma di alcune persone” ha dichiarato il consigliere regionale Stefano Baccelli. “E’ una prima sentenza che mette un punto fermo nel processo; è un importante riconoscimento per la nostra comunità” ha detto il sindaco Del Ghingaro.

“Le sentenze non si commentano, ma la sete di giustizia e di verità dei familiari delle vittime e di un’intera città ha trovato un prima risposta. La strage di Viareggio non poteva essere un evento fortuito”. Lo dichiara il senatore Pd Andrea Marcucci.

“Il lungo lavoro predisposto dalla Procura di Lucca-sottolinea il parlamentare-ha confermato che quel maledetto 29 giugno del 2009 il sistema europeo ed italiano del trasporto merci ha evindenziato tutti i suoi colpevoli deficit. Il caso di Viareggio evidenzia ancora una volta anche la necessità di avere un sistema giudiziario più veloce. Per arrivare al giudizio definitivo, è auspicabile un iter rapido”.​