22 kg di droga in casa, arrestato venditore ambulante

LUCCA - 300 g di cocaina, 384 g di hashish in ovuli, 20 kg di hashish in panetti e 1 kg di marijuana: è lo stupefacente che la Squadra Mobile di Lucca ha sequestrato, sabato scorso, ad un cittadino marocchino residente a Lucca che fa l'ambulante anche in Versilia.

-

L’operazione della Sezione Antidroga si colloca nell’ambito del progetto Pusher, un’attività di alto impatto nel contrasto al micro spaccio, a cui hanno preso parte, il 3 e il 4 febbraio, tutte le Squadre Mobili delle province italiane, coordinate dal Servizio Centrale Operativo. A Lucca, la Squadra Mobile, coadiuvata dall’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, da personale dei Commissariati di Viareggio e Forte dei Marmi, della Polizia Stradale e della Polizia Ferroviaria, ha contributo al progetto presidiando, nei due giorni previsti, le piazze di spaccio della provincia.

Sabato sera, gli investigatori hanno operato il sequestro dell’ingente quantitativo di stupefacente e l’arresto del marocchino che lo deteneva ai fini di spaccio. L’uomo, un commerciante ambulante di capi di abbigliamento, sabato mattina, come ogni giorno, è uscito di casa per vendere la merce in un mercato di Porcari. Durante il mercato, gli investigatori dell’Antidroga hanno osservato i vari contatti del marocchino con la clientela. Nel pomeriggio, dopo avere fatto ritorno a casa,l’uomo si è messo nuovamente alla guida del furgone e ha raggiunto Capannori. In una piazza del paese, ha lasciato il furgone ed è salito a bordo di un’auto in sosta. Dopo un veloce scambio con il passeggero, il marocchino ha ripreso il furgone e si è allontanato dirigendosi verso casa. Il conducente dell’auto, fermato poco dopo, ha consegnato agli investigatori una dose di cocaina, acquistata poco prima.

L’uomo è stato fermato, qualche istante dopo, a Lucca, in località San Pietro a Vico, a pochi metri dalla sua abitazione. Nell’abitacolo del veicolo sono stati rinvenuti due involucri di cocaina, numerosi ovuli di hashish, c.d. castagne, una busta colma di marijuana, un bilancino di precisione e sostanza da taglio. All’apertura del vano di carico, gli investigatori si sono trovati di fronte a decine di scatoloni contenenti biancheria intima, calzini, pigiami, maglie e jeans; tra gli indumenti erano nascoste decine e decine di panetti di hashish. Nell’abitazione sono stati rinvenuti, inoltre, 15 mila euro, in banconote da piccolo taglio; la somma, ritenuta provento dell’attività di spaccio, è stata sottoposta a sequestro.