Trenitalia sponsor del Carnevale: “Il profitto prima della salute”

VIAREGGIO - Trenitalia confermato sponsor del Carnevale di Viareggio e il logo della compagnia ferroviaria pubblica appare sul palco di piazza Mazzini. Una scelta che evidentemente non è piaciuta ai familiari delle vittime del 29 giugno, due giorni dopo la sentenza che ha condannato i vertici di Trenitalia, FS e RFI per i 32 morti di via Ponchielli.

-

Duro il commento dei familiari delle vittime dell’associazione Il Mondo che Vorrei onlus.

“Apprendiamo con amarezza che nemmeno una sentenza di condanna per omicidio colposo plurimo aggravato e disastro ferroviario sono bastate a far sì che chi è “arrivato” a Viareggio per amministrare il nostro Carnevale avesse almeno la sensibilità di non sbandierare quel simbolo che per i familiari, la vera Viareggio e per la legge italiana rappresenta i responsabili per la morte di 32 persone. Avremmo voluto sentire l’indignazione del nostro Comune e con la stessa solerzia e iniziativa con la quale hanno fatto accordi con Trenitalia vorremmo che avessero richiesto ad Rfi la valutazione del Rischio nella tratta ferroviaria di Viareggio come richiesto dai familiari e approvato all’unanimità dal consiglio comunale. Apprendiamo con amarezza che ancora una volta il profitto è posto davanti alla salute dei cittadini e in questo caso dei Viareggini.”

La Fondazione Carnevale “nel rispetto del dolore dei familiari delle vittime del disastro del 29 giugno aveva deciso, d’accordo con Trenitalia, di modificare l’accordo di collaborazione sancito per il Carnevale di Viareggio 2017 e di non dare visibilità al logo di Trenitalia all’interno della manifestazione. La Fondazione si adopererà per modificare, laddove possibile, i termini dell’accordo”. E’ quanto si legge in una nota della Fondazione Carnevale dopo la presa di posizione dei familiari delle vittime.