Aggredisce il padre a coltellate: 44enne in carcere per tentato omicidio

TORRE DEL LAGO - E' ricoverato in rianimazione all'ospedale Cisanello di Pisa in gravi condizioni, ma non in pericolo di vita, Giorgio Manfredi, 74 anni di Torre del Lago, colpito ferocemente a coltellate dal figlio Leoanardo, 44enne, lunedì sera nel letto di casa sua, un'appartamento di via Dell'Aquila, nella frazione pucciniana.

-

Un dramma familiare che si è consumato all’ora di cena. Dopo l’ennesima lite furibonda, l’anziano poco prima delle 20 è andato a letto. Lì è stato assalito dal figlio con una mannaia da cucina. Colpito alla testa, l’uomo ha reagito, si è alzato, cercando di difendersi con una sedia. Ma l’aggressore non si è fermato: preso un grosso coltello da cucina da 30 cm, ha colpito il papà all’addome e alla mano, per poi darsi alla fuga. Alla vittima non è rimasto che chiedere aiuto ai vicini urlando dal terrazzo, dove è stato soccorso, trovato in una pozza di sangue. Dopo le prime cure all’Ospedale Versilia è stato trasferito a Cisanello sotto stretta osservazione.

Manfredi figlio poco dopo si è costituito ai carabinieri della caserma di Torre del Lago. Con sè aveva ancora il coltello. Adesso si trova in carcere a Lucca con l’accusa di tentato omicidio del padre. I due erano ai ferri corti da molto tempo. Rapporti esasperati dopo la morte della madre, tre mesi fa, che aveva lasciato Leonardo, disoccupato e single, tutto sulle spalle del padre.

Il violento episodio ha sconvolto il vicinato, accorso a prestare aiuto. Nessuno vuole parlare oggi: resta solo l’incredulità e il silenzio.