La Versilia riscopre i grani antichi per sconfiggere la celiachia

PIETRASANTA - La Versilia riscopre i grani antichi e tenta di scalzare il monopolio delle farine su scala industriale, una della cause del recente boom di intolleranze, allergie e celiachia. Da oggi all'agenzia formativa Versilia Format, partner di molti enti territoriale, fucina di cuochi e pasticceri , promuove la diffusione di una nuova filiera di produzione.

-

Tutto nasce dal giornalista versiliese Gabriele Bindi, autore di un libro sui grani antichi. Rispetto a quelli industriali arrivati nel dopo guerra i grani antichi non sono alterati, raffinati, sono più digeribili con meno zuccheri ed evitano lo sviluppo di intolleranze. Le farine che ne derivano possono essere impiegate per gli stessi cibi. Sono già quattro le imprese agricole che li producono in Versilia, su appena 20 ettari, guidate da Molino Angeli.

Secondo la Asl Toscana Nord-Ovest, sono circa 20mila i versiliesi che soffrono in qualche misura di disturbi e intolleranze alimentari. Adesso occorre una rete di distribuzione e una nuova cultura del consumo.