Pini, lecci e allori due anni dopo la tempesta del 5 marzo

VERSILIA - Pini, lecci e allori di nuovo piantati nel parco della Versiliana, due anni dopo la drammatica tempesta di vento che decimò il patrimonio arboreo della Versilia. Sono state messe a dimora oltre 50 piante di pino, leccio e alloro, che cresceranno vicino agli alberi piantati un anno fa nell'ambito del progetto "Controvento", realizzato grazie ai vivai del Corpo Forestale dello Stato

-

Entro marzo sarà lanciato, in collaborazione con l’associazione Onlus A0CO2, il progetto per il recupero dell’area nord. Poi partiranno i tre interventi varati dalla Regione Toscana con i finanziamenti comunitari per il piano di sviluppo rurale, tre tranche di un programma che riguarderà la Versiliana nella sua totalità e che comprenderà ripiantumazione e definitiva rimozione delle ciocche sradicate dalla calamità di due anni fa.

A Forte dei Marmi, dove il fortunale dimezzò gli alberi stravolgendo la fisionomia del paesaggio, entro fine anno saranno ripiantate 120 alberi. Il Comune ha stanziato oltre un milione e settecentomila euro, messi in bilancio per il triennio 2017-19, a sostegno del verde pubblico.  Sarà completata entro il mese di marzo la sostituzione dei lampioni lesionati dal fortunale.