Proposta choc di Fratelli d’Italia: “Tassa di soggiorno per i migranti”

VERSILIA - Trasformare le case affittate alle cooperative per ospitare i migranti in attività ricettive commerciali, per renderle soggette alla stessa tassazione Imu e Tari di hotel e B&B e imporre alle persone ospiti il pagamento di una tassa di soggiorno di 2,50 euro al giorno. E' una proposta che farà discutere quella del direttivo provinciale di Fratelli d'Italia.

-

Proposta che si ispira all’ordinanza del sindaco di di Pontivrea, piccolo comune del savonese, Matteo Camiciottoli. Il decreto del sindaco ligure guarda anche alle responsabilità legate alla sicurezza: eventuali reati compiuti dagli ospiti ricadrà anche sui responsabili dell’accoglienza e sui proprietari degli immobili.

A scatenare l’ennesima presa di posizione di Fratelli d’Italia la notizia diffusa dalla Prefettura di Lucca sugli oltre 660mila euro in arrivo dal Ministero degli Interni per i 28 comuni della provincia di Lucca che hanno accolto migranti, 500 euro per migrante.