Approvato il bilancio consuntivo 2016: scontro giunta-opposizione

PIETRSANTA - Investimenti raddoppiati (+ 83%), meno debiti (-33%), più soldi in cassa (+500%) e tempi di attesa per il pagamento ai fornitori ridotto a 20,75 giorni contro i 57,49 del 2014: questi i numeri resi noti dalla giunta Mallegni sul bilancio consuntivo 2016, discusso questa mattina in consiglio comunale.

-

Il primo totalmente della terza amministrazione Mallegni. “L’amministrazione comunale è riuscita a raddoppiare gli investimenti sul territorio passati da 3.700 milioni euro del 2014 ai quasi 7milioni del 31 dicembre 2016 ed è anche riuscita ad aumentare le risorse di cassa. Un “tesoretto” in cassa, accresciuto da 1.437mila euro del 2014 agli attuali 8.565 milioni, frutto della concreta ed intelligente riorganizzazione finanziaria dell’ente accresciuto grazie al recupero dell’evasione (+51%), quasi 2milioni di euro contro 1,2milioni del 2014, all’incremento degli oneri di urbanizzazione schizzati da 800mila euro a quasi 1,8milioni di euro e ad una gestione intelligente del bilancio. Sul fronte dei pagamenti alle imprese, il Comune onora i suoi impegni  22 giorni dopo l’emissione della fattura.”

“Immagine e poca sostanza. In più, nessuna promessa elettorale rispettata” – questo il commento del capogruppo Pd Rossano Forassiepi. “Le tasse non sono diminuite, né l’IMU, né la Tasi, né l’addizionale Irpef, né il suolo pubblico. Questo deve essere detto ai cittadini. In compenso hanno tagliato un servizio fondamentale come la raccolta del verde porta a porta. A testimonianza delle nostre affermazioni, può essere letta a pg.38 la relazione allegata al conto consuntivo in cui si certifica che il prelievo procapite nel 2014 è stato di 1.033€ mentre nel 2016 di 1.067€, quindi, invece che diminuire, in senso generale, la tassazione è semmai aumentata.”