Sport ed emozioni per i Giochi di Bandiere Under15

-

170 i giovanissimi atleti che sabato pomeriggio in piazza Matteotti hanno preso parte alla gara, riservata alle nuove leve del gruppo sbandieratori e musici del Palio, esibendosi di fronte alla giuria della Federazione Italiana Fisb nelle varie specialità, suddivisi in tre fasce di età.

A fare incetta di medaglie è stata ancora una volta la contrada la Quercia, al primo posto nei singoli e nella coppia di seconda e terza fascia, grazie anche al campioncino italiano Daniele Del Tessa.

Buon bottino di medaglie anche per il Ponte nella coppia e nel singolo. Nella piccola squadra in seconda fascia vincono Leon d’oro alle bandiere e Cervia per i musici, Lucertola e Pozzo nella terza fascia. Nella categoria speciale under 21 premio a Gabriele Marcuccetti.

Appuntamento adesso a sabato 20 maggio per la 40esima edizione dei Giochi assoluti, che si chiuderà probabilmente la sera stessa con le gare in notturna.

di Redazione

I banchi di scuola… arrivano in piazza!

-

Protagonisti le bambine e i bambini della primaria e dell’infanzia e nel pomeriggio tra i disegni con i gessetti sulla pavimentazione, la pittura con gli acquerelli sui banchini.  Anche il Fortino  ha aperto i suoi spazi espositivi, ospitando al mattino una mostra di disegni dei bambini della primaria.

Due gli eventi speciali: l’inaugurazione de “La stanza dei perché” presso la scuola Giorgini , in programma alle 11.30  e il “Flash mob una lunga strada insieme” dell’infanzia Carina in Piazza Garibaldi

Al termine della giornata i bambini in omaggio al Blue Day del 2 aprile hanno lanciato  in cielo tanto palloncini blu, in un ideale abbraccio  a tutti i bimbi colpiti da autismo.

di Redazione

Lunardini premiato a 95 anni dalla Croce Rossa viareggina

-

Lunardini, oggi lucido e brillante 95enne, già noto Medico-Veterinario, è stato Presidente della Croce Rossa viareggina negli anni 80′. Anni complessi per una Associazione che cambiava adeguandosi alle nuove esigenze della società.

“Ci è sembrata una cosa bella e meritevole” dichiara l’attuale Presidente Cestari “ricordare a tutti, noi per primi, chi, precedendoci, ha contribuito a creare quelle fondamenta di una Associazione che oggi conta decine di volontari entusiasti e sempre pronti a mettersi a disposizione degli altri”.

“Dall’alto” ha concluso un commosso Lunardini “dei miei innumerevoli anni voglio lanciare un messaggio di speranza e incoraggiamento ai nostri giovani. Forse mai come oggi vi sono difficoltà per voi tutti. Lavoro, nuovi rapporti, globalizzazione, sono problemi che pesano, talvolta dolorosamente, sui vostri giovani anni. Ma non demordete. L’impegno, la generosità verso gli altri, l’amicizia, sono valori a cui non dovrete mai rinunciare. Lottate per i vostri ideali senza mai mollare. Rispettate gli altri. Vivete quell’immenso mondo di valori che è il volontariato”.

Il brillante vegliardo ha poi voluto festeggiare il premio con il suo piccolo battaglione di discendenti (quasi 30 tra figli, nipoti, consorti vari e pronipoti).

di Redazione

“Diabetes no limits”: in bici in memoria di Mauro Talini

-

Nonostante la pioggia dell’alba un buon numero di partecipanti si è ritrovato alla partenza a Seravezza.

Tutto si è svolto in un clima di vera “festa”, fin dalla partenza. Dopo il benvenuto da parte di Marta Graziani dell’Associazione, ha portato i saluti delle Amministrazioni Comunali, l’assessore Carlo Alberto Carrai di Camaiore sottolineando che il “buon esempio” è più efficace di qualsiasi parola e che, quindi, avrebbe fatto la Ciclopedalata, anche se non aveva mai partecipato a eventi simili.. Quindi Francesco Chicchi, testimonial d’eccezione, ha confermato che esserc,i è davvero importante.

Poi la benedizione al gruppo da parte di Padre Urbano e il “Via!.”

Il taglio del nastro è stato effettuato da Teodros Talini, che subito dopo la morte dello zio è andato in Messico per una esperienza di volontariato e per costruire quelle “aule di formazione” presso la Missione delle Missionarie Padre Kolbe, per cui Mauro Talini stava raccogliendo i fondi. Progetto realizzato e completato e inaugurato lo scorso anno, alla presenza di alcuni rappresentati dell’Associazione.

La Banda “Giovanni Pacini” di Quiesa diretta dal maestro Michele Gemignani ha accolto il gruppo di ciclisti creando grande emozione. Lo stand dell’Ass Diabete Versilia ha effettuato oltre 50 stik di controllo glicemia. E bellissimi e apprezzati i lavori dei ragazzi della scuola Media di Massarosa1.

Infine, il consigliere con delega allo sport di Massarosa Raffaello Giannini di Massarosa e la prof. Primetta Bortolozzi dirigente della scuola di Massarosa 1, oltre ai saluti istituzionali, hanno poi consegnato i premi e gli attestati di partecipazione, insieme alla presidente di Ancora in Viaggio Brunetta Talini.

 

di Redazione

Lite tra genitori, interrotta partita di minirugby

-

Due genitori hanno litigato fra loro, ed allora vista la situazione piuttosto tesa e per il timore che la situazione potesse degenerare, gli organizizatori hanno preferito interrompere anzitempo la partita. che stava per terminare. Al raduno hanno partecipato le società degli Etruschi, Rosignano, Pisa, Lucca, Massa, Versilia,Cecina.

di Redazione

Depuratore di Viareggio, in arrivo 400mila euro di investimenti

-

Contemporaneamente, prosegue la pianificazione della campagna di verifica del corretto allacciamento alla fognatura nera delle utenze nella zona limitrofa al Fosso dell’Abate. La verifica, che verrà successivamente estesa anche alle altre utenze nella zona Fosso dell’Abate, consentirà di individuare eventuali allacci abusivi sulla fognatura bianca che creano fenomeni di inquinamento. Intenzione del Gestore è partire con un progetto pilota che coinvolgerà inizialmente circa 200 utenze, da estendere in un secondo step alla restante parte del territorio interessata, al fine di individuare la tecnologia più efficiente e prevedere con sufficiente precisione le tempistiche necessarie ai rilievi.

E’ stato inoltre istituito un Tavolo di lavoro dalla Regione Toscana per la redazione di un Piano di controllo degli scarichi abusivi sui tre fossi versiliesi (Fosso dell’Abate, del Fosso Motrone e Fiumetto), nell’ambito dell’Accordo di programma: il tavolo sarà formalizzato entro l’inizio della stagione balneare per definire gli interventi coordinati a carico dei vari enti .

Il depuratore viareggino è il primo impianto di depurazione in Versilia per importanza, si trova a 3 km dal mare ai margini della città e serve più di 64.000 residenti. Nel periodo estivo, grazie all’afflusso turistico, il depuratore arriva a servire picchi di circa 100.000 abitanti.
L’impianto attualmente necessita di un efficientamento dei trattamenti ossidativi, ovvero dei processi di tipo biologico utilizzati per la rimozione delle sostanze organiche contenute nel liquame. Nel depuratore sono presenti 3 vasche “carousel” (sistemi in cui si ha simultaneamente nitrificazione e denitrificazione) oggi attrezzate con vecchi aeratori a spazzola, che hanno modeste rese di trasferimento dell’ossigeno e sono soggetti a frequenti guasti. Pertanto il progetto di GAIA approvato dal CdA si propone di efficientare  tutto il sistema di ossigenazione della linea “carousel”, ottenendo un sostanziale   risparmio energetico. Nel dettaglio gli interventi prevedono la ristrutturazione delle vasche esistenti, l’installazione di un sistema di aerazione a bolle fini ad alta efficienza,   l’adozione del processo di aerazione alternata e il ricircolo fanghi in testa alle vasche mediante la riabilitazione di una stazione di sollevamento esistente. Inoltre, verranno contestualmente realizzati nuovi collegamenti idraulici, anche con tubazioni già esistenti e in servizio.

I lavori sono stati già aggiudicati tramite gara d’appalto , e saranno realizzati entro dicembre 2017.

di Redazione

Contributo di bonifica, riduzioni in vista per gli agricoltori

-

Per i terreni ordinari (quelli cioè che non sono strade, ferrovie e cave), le serre e gli orti, il taglio complessivo alle bollette è addirittura di 177mila euro, pari al 25 per cento di quello che era richiesto precedentemente. Il tutto avviene senza ridurre l’impegno per i lavori di manutenzione e prevenzione per la sicurezza idraulica del territorio: che anzi cresce, con l’acquisizione della competenza da parte del Consorzio di nuove porzioni di reticolo idraulico, così come deciso dalla Regione con la sua legge di riforma del mondo della bonifica in Toscana. La riduzione della contribuzione sarà infatti coperto in buona parte dal taglio delle spese burocratiche e dalle economie di scala, prodotti dalla nascita del nuovo e più ampio Consorzio 1 Toscana Nord.

Per illustrare le novità, il presidente del Consorzio Ismaele Ridolfi ha incontrato una delegazione dei rappresentanti delle associazioni agricole del territorio: all’incontro erano presenti Maurizio Fantini di Coldiretti; Adelmo Fantozzi e Annalisa Mechini di CIA- Confederazione italiana agricoltori; Nino Metallo di Confagricoltura.

L’appuntamento era inserito nel programma serrato di incontri sul territorio, promossi dal Consorzio in occasione dell’emissione dei contributi di bonifica – che stanno arrivando nelle case dei contribuenti proprio in questi giorni – per illustrare le modalità di calcolo del contributo di bonifica, variate rispetto al passato, all’indomani della riforma regionale che ha interessato gli Enti consortili.

Ci sembra sia stato fatto un buon lavoro – hanno commentano i rappresentanti delle associazioni agricole, al termine del confronto – Diminuiscono le spese, grazie all’azione di risparmio ed efficientamento avviata dalla Regione con la legge di riforma della bonifica, che ha tra l’altro istituito il Consorzio di Bonifica 1 Toscana Nord; contemporaneamente, cresce l’impegno per la quantità e la qualità dei lavori di manutenzione per la sicurezza idraulica e ambientale. Apprezziamo il coinvolgimento del mondo agricolo, nella pianificazione delle scelte strategiche; tenendo conto anche il panorama toscano, crediamo possiamo dirci soddisfatti. Negli ultimi anni, i compiti del Consorzio sono enormemente aumentati; e si profila un ulteriore potenziamento dell’attività svolta, anche con nuove e più complesse competenze. Deve quindi proseguire l’impegno per il contenimento delle spese, affinché i nuovi oneri non vadano ad incidere sulla contribuenza diretta dei proprietari di immobili e terreni”

La riorganizzazione dell’Ente e i nuovi metodi di calcolo – incalza il presidente del Consorzio, Ismaele Ridolfi – hanno infatti prodotto conseguenze positive per i cittadini, che oggi possono contare su un contributo più omogeneo su tutto il territorio, e soprattutto più equo. Come abbiamo sottolineato in questo incontro con i rappresentanti delle loro organizzazioni, si rafforza ulteriormente il legame del nostro Ente con gli agricoltori. Il rapporto tra Consorzio e agricoltura, d’altronde, è da sempre solido: ricordiamo anche agli agricoltori viene anche affidata una parte dei lavori annuali di manutenzione ordinaria sui corsi d’acqua di competenza”.

di Redazione

Bocchette, terminati i lavori alla canaletta d’irrigazione

-

I lavori di pulizia della canaletta rientrano nel programma annuale della manutenzione ordinaria e vengono eseguiti ogni anno dal Consorzio prima dell’avvio della stagione irrigua. Il tratto interessato comprende circa 4 chilometri: dalla presa di caporosso, 500 metri a monte della Sarzanese, fino alla rotatoria della tuffatrice, all’intersezione con la ferrovia.

Le operazioni di pulizia riguardano l’asportazione di materiale che si trova all’interno della canaletta in cemento, la cui presenza comporta una ostruzione allo scorrimento dell’acqua. Nonostante questo  il Consorzio provvede anche al taglio delle canne che crescono al margine della strada a ridosso della canaletta, per agevolare gli interventi di pulizia.

“Da segnalare quest’anno la straordinaria presenza di rifiuti ingombranti che gli operatori hanno rinvenuto all’interno della canaletta, prelevato e smaltito tramite la SEA – spiega il Presidente del Consorzio Ismaele Ridolfi – Materassi, reti, sacchi della spazzatura, abbandonati dai soliti ignoti che hanno la pessima abitudine di utilizzare i corsi d’acqua come fossero discariche”

di Redazione

Il fascino della scultura tattile, a Pietrasanta la personale di Andrea Bianco

-

Quella di Andrea Bianco è una scultura sensibile, capace di registrare particolari che sfuggirebbero anche all’occhio più attento con una resa stupefacente. La mano plasma la materia con la sicurezza unica di chi riesce a guardare oltre la vista. “Il segreto della scultura tattile – spiega Andrea Bianco – sta nel riscoprire il senso del tatto, che spesso utilizziamo poco e male. Quando nasciamo conosciamo il mondo attraverso il tatto, che dà sensazioni completamente diverse rispetto alla vista. Per uno scultore l’uso del tatto dovrebbe essere sempre un punto di riferimento integrativo e non alternativo perché aggiunge una prospettiva in più alla nostra visuale”.

La mostra, a ingresso libero, è visitabile con orario 16.00 – 19.00. L’evento è organizzato dal Comune di Pietrasanta, in collaborazione con Fondazione Versiliana e StArt.

di Redazione