Nuovo arrivato al Museo dei Bozzetti

PIETRASANTA - Un'altra donazione per il Museo dei Bozzetti di Pietrasanta. Si arricchisce di un nuovo pezzo la sezione "Tecniche di lavorazione artistica", l'ala del museo, ospitato nel Chiostro di S. Agostino che custodisce oltre 800 bozzetti dei più importanti artisti mondiali.

-

Gli spazi illustrano gli ambienti di lavoro, le tecniche e gli strumenti delle botteghe artigiane di Pietrasanta in cui nascono i capolavori scultorei collocati in tutto il mondo. Questa nuova donazione va a potenziare una delle sezioni più apprezzate che già illustra con immagini e opere come nasce una scultura in marmo, in bronzo e in mosaico. Si tratta di un bozzetto in gesso proveniente dal vecchio Laboratorio Palla e della sua traduzione in opera in marmo eseguita dall’artigiano Franco Viviani per illustrare l’opera in corso di realizzazione. Sono evidenziati i punti della smodellatura e la finitura di alcune parti della scultura, proprio come facevano tradizionalmente lo smodellatore, il pannista, l’ornatista, lo scalpellino e lo scultore. Il soggetto è un bambino che dorme su un cuscino. Ad accogliere il bozzetto sono stati Adamo Bernardi, Capo di Gabinetto del Sindaco e Chiara Celli, Direttore del Museo. Il bozzetto è già stato collocato ed è visitabile.

Franco Viviani nasce a Pietrasanta nel 1939 e opera dal 1956 come smodellatore per tutta la sua vita in molti laboratori di marmo della città (Volterrani e Pesetti, Santoli e Rovai, Bertoni, Cervietti ecc). E’ uno degli allievi di Ferruccio Bresciani che nel suo studio di Capezzano Monte ha formato, a partire dagli anni ’20, generazioni di giovani apprendisti a cui insegnava l’arte della scultura e contemporaneamente avviava agli studi musicali in quanto membro attivo della Filarmonica di Capezzano Monte.