Tallio: 83mila euro di rimborsi in bolletta a Valdicastello

PIETRSANTA - Sono in arrivo 83mila euro di rimborsi per 253 utenti di Valdicastello che negli ultimi tre anni hanno subito l'emergenza tallio e il divieto di utilizzare l'acqua in casa. E' stato il sindaco Massimo Mallegni insieme al Vice Sindaco Daniele Mazzoni ad annuciarlo nell'ultimo incontro con i residenti al nuovo Museo delle Miniere.

-

Presenti all’incontro il Direttore di Gaia Spa Paolo Peruzzi, il Presidente Vincenzo Colle e la vice presidente Maria Clorinda Martinengo. La prima bolletta arriverà nelle case il 1 luglio con cadenza bimestrale, e non trimestrale, per consentire l’allineamento con tutte le altre utenze entro il 2020.

Il periodo di riferimento, per chi ha aderito all’accordo voluto dall’amministrazione comunale, e ottenuto dopo una lunghissima trattativa, va dal 31 maggio 2011 al 30 giugno 2014. Previsto anche un ristoro per tutti gli abitanti di Valdicastello, 512 utenze complessivamente, per il periodo compreso tra il 30 giugno 2014 ed il 31 ottobre 2015. “L’accordo- ha sottolineato il sindaco Mallegni – non esclude futuri contenziosi di carattere socio-sanitario da parte degli utenti poiché si tratta di un accordo di tipo amministrativo”.

L’intesa non è stata sottoscritta da 259 utenti che non riceveranno il rimborso (circa 59mila euro). L’ammontare complessivo dei rimborsi ottenuto dal Comune di Pietrasanta è di 141mila euro.

Sul fronte sanitario, le analisi ed i campionamenti, 300mila quelli fatti fino a qui, andranno avanti fino a che “la presenza di tallio, anche in quantità al di sotto del limite di legge, non sarà sparita”.