Viareggio-Montecatini si gioca domenica ai Pini ma a porte chiuse

VIAREGGIO - Sarà a porte chiuse la prossima, decisiva partita di campionato di serie D del Viareggio 2014, in programma domenica allo stadio di Pini contro il Montecatini. Il match si disputerà infatti in assenza di spettatori per garantire la sicurezza.

-

Un evento ad alto profilo di rischio. Così lo ha definito l’Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive alcuni giorni fa e per questo la Prefettura di Lucca ha ordinato il divieto alle tifoserie delle due squadre, dopo i ripetuti episodi di scontri. L’ultimo due settimane fa, quando – durante una sosta alla stazione ferroviaria di Lido di Camaiore – un gruppo di dieci ultras viareggini hanno preso a sassate i rivali del Montecatini a bordo di un treno di ritorno dalla trasferta di Massa, per poi trascinare un ragazzino di 15 anni a terra e aggredirlo, procurandogli alcune ferite e il ricorso alle cure del pronto soccorso.

Per questo episodio due tifosi viareggini  sono stati perquisiti e denunciati nei giorni scorsi. Uno di questi, 45enne, considerato il capo ultras delle zebre, era già destinatario di un daspo di 5 anni ancora in corso. Ma altri casi di violenza si erano consumanti nell’ultimo anno: uno  a  Viareggio e l’altro a Scandicci, con autobus presi a sassate dai due gruppi di tifosi.

Il match che chiude il campionato, delicato per la squadra di Carlo Bresciani per guadagnare punti in chiave playout, sarà senza pubblico. Una decisione che genera amarezza tra i tifosi che con serenità vanno allo stadio a sostenere la squadra della città.