Al via il MemoFest, due giorni dedicati alla memoria

SERAVEZZA - Ottima partenza per MemoFest 2017, la due giorni dedicata alla memoria in corso da questa mattina a Seravezza. Il festival si è aperto nel suggestivo cortile del cinquecentesco Palazzo Mediceo patrimonio Unesco con il giudice Piercamillo Davigo intervistato dal giornalista televisivo Umberto Martini.

-

Un incontro vivace e coinvolgente, che al folto pubblico intervenuto ha proposto un excursus sui venticinque anni di Tangentopoli con alcune proiezioni e riflessioni sull’Italia contemporanea. Nel pomeriggio, secondo programma, gli incontri con Ilaria Cucchi e con il medico Pierdante Piccioni e, alla sera, lo spettacolo “Mafie, maschere e cornuti” di e con Giulio Cavalli al teatro delle Scuderie Granducali.

Il festival prosegue domani (domenica) con altri due interessanti incontri a partire dal tardo pomeriggio: alle 18:15 con Emanuele Giordana, giornalista, blogger e saggista esperto di esteri ed autore del libro “A oriente del Califfo, a est di Raqqa” a colloquio con Riccardo Ricciardi, direttore artistico di MemoFest, sul tema “Conoscere il Medio Oriente”; a seguire il sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi, intervistato dalla giornalista Rai Giulia Bosetti, parlerà invece delle ferite inferte dal terremoto alla sua comunità, in bilico tra necessità di recuperare la memoria e desiderio di guardare al futuro.