Bertola non ci sta: “Voglio il riconteggio dei voti”

CAMAIORE - La vittoria di Del Dotto è netta, ma sul risultato delle urne - rimasto in bilico fino all'ultimo secondo - adesso pesa l'ombra del riconteggio che il candidato sconfitto Giampaolo Bertola ha annunciato per le prossime ore.

-

E’ questo l’esito inaspettato di una rocambolesca conta dei voti, iniziata alle 23 di domenica, sospesa alle 8 e chiusa alle 11 di lunedì mattina dopo il riconteggio di una sezione per delle schede contestate.

Al termine di una nottata estenuante di corse tra le sedi elettorali e il Municipio, le forze di centrodestra hanno contestato i dati diffusi dall’ufficio elettorale, cambiati alle ultime 5 sezioni nel giro di pochi minuti e non in linea con quelli raccolti dai rappresentanti di lista. Non sono mancate le tensioni e le minacce tra alcuni esponenti dei vari schieramenti, dopo che Bertola alle 5 del mattino ha chiamato i carabinieri perchè i conti non tornavano.

Insomma, la partita adesso si gioca su un eventuale ballottaggio, che riaprirebbe i giochi. Appena 60 voti hanno evitato a Del Dotto un secondo turno, ma tra lui e Bertola resta una voragine di circa 2.400 voti di scarto. Nel caso di un ricorso al Tar per un riconteggio di tutte le schede potrebbe ripetersi il copione vissuto due anni fa a Viareggio. In quel caso il riconteggio venne disposto solo nel mese di gennaio seguente.