Tragedia in spiaggia: muore turista russa di 25 anni

-

La giovane turista stava facendo il bagno quando si è sentita male. Subito soccorsa, è stata trasportata in ambulanza al pronto soccorso dell’ospedale Versilia in codice rosso dove i medici hanno cercato di salvarla ma purtroppo non c’è stato nulla da fare. Sul luogo dell’annegamento è intervenuto anche il personale della Capitaneria di porto di Viareggio

di Redazione

Renzi contro il reddito di cittadinanza: “No ad una Repubblica fondata sul sussidio”

-

Il Partito Democratico deve fare le sue battaglie sulle cose concrete e lasciare perdere una volta per tutte le discussioni sulle questioni che interessano solo i politici. Questo il messaggio che il segretario del Pd Matteo Renzi ha voluto lanciare al Caffè della Versiliana, dove è stato intervistato dal direttore della Stampa Maurizio Molinari.

Renzi ha rivendicato durante il suo mandato da premier di aver tolto l’Imu sulla prima casa e l’Irap e di aver invece introdotto il bonus da 80 euro. E su questo ha sfidato i suoi concorrenti. “Vediamo se in campagna elettorale Berlusconi, Salvini e Grillo chiederanno di togliere gli 80 euro, che vanno a 10 milioni di italiani; io non credo”.

Tra i bersagli di Renzi ci sono stati Berlusconi, che invece di creare un milione di posti di lavoro ne ha fatti perdere 900mila, e soprattutto i leader del movimento 5stelle e la proposta del reddito di cittadinanza. “Non starò mai con chi propone una Repubblica basata sul sussidio, che vuol dire: non importa se lavori, tanto a fine mese ti diamo la paghetta”.

Sempre in polemica con i 5 stelle Renzi ha detto di essere orgoglioso della battaglia fatta per l’obbligatorietà delle vaccinazioni ed ha definito il Partito Democratico l’ultimo argine contro i populismi, lanciando al termine un messaggio di fiducia sul futuro dell’italia.

“Credo nell’Italia – ha detto – e non mi schiero con chi si lamenta continuamente di tutto”.

di Redazione

Furti al mercato di Lido: arrestata borseggiatrice

-

Numerose le segnalazioni che hanno portato i militari sulle sue tracce. La giovane era già conosciuta per i suoi precedenti, si muoveva inoltre con fare sospetto. La stessa è stata bloccata e sottoposta a controllo e trovata in possesso di 255 euro in contanti, documenti ed effetti personali vari che sono risultati di proprietà di tre malcapitate donne che stavano facendo una passeggiata all’interno del mercato.

di Redazione

Sequestrate borse con marchio contraffatto al Forte

-

In totale solo durante la giornata di domenica sono stati recuperati e posti sotto sequestro circa 50 articoli tutti riportanti marchi palesemente contraffatti: 41 borse con marchio “Louis Vuitton”, “Chanel”, ”Hermes”, “Goyard”, “Cristian Dior” e “Saint Laurent”, 5 portafogli con marchio “Chanel”, un paio di scarpe con marchio “Chanel ”,  foulard con marchio “Louis Vuitton”.

di Redazione

Rapinavano le coppiette in spiaggia armati di bottiglia: arrestati

-

I due sono accusati di rapina aggravata in concorso. Secondo l’accusa, minacciavano di notte le coppiette che si appartavano sulla spiaggia di Viareggio, lungo la Passeggiata. Con un coccio di bottiglia intimavano di farsi consegnare tutti gli averi “per non avere problemi”. Uuno impugnava il coccio della bottiglia rotta e l’altro si posizionava dietro le giovani vittime per impedirgli la fuga verso la Piazza Mazzini.

I poliziotti, una volta perlustrata la spiaggia al buio, li hanno individuati e inseguiti, fermandoli all’altezza del Bagno Nettuno. Condotti negli uffici del Commissariato e controllati i due sono stati trovati in possesso di un cellullare di marca i-phone e di vari contatti provento del reato che sono stati poi riconsegnati alle vittime.

Il maggiorenne è stato cosi dichiarato in arresto e associato in carcere a Lucca questa mattina, mentre il minorenne è stato denunciato in stato di libertà e riaffidato ai genitori.

di Redazione

Forte dei Marmi tende la mano all’Armenia

-

Il Sindaco Murzi ha illustrato la realtà fortemarmina, evidenziando non solo la tradizione turistica ormai secolare, ma anche le ulteriori potenzialità date dalla posizione privilegiata della cittadina che abbraccia tutta la Toscana centro-settentrionale e parte della Liguria.
L’ambasciatore, al termine dell’incontro, ha espresso il desiderio di farsi promotrice della bellezza di Forte dei Marmi in Armenia, organizzando quanto prima un servizio televisivo. Victoria Bagdassarian ha inoltre dichiarato l’intenzione di avviare progetti di collaborazione e studio con la nostra cittadina, per lo sviluppo di alcune località turistiche armene.

L’Armenia è oggi un paese con un’economia dinamica e in costante crescita, membro dell’Unione Eurasiatica e partner dell’Unione Europea. Per l’Italia rappresenta un interlocutore importante e l’inizio dei rapporti di interscambio e relazioni con Forte dei Marmi potrà contribuire al consolidamento. Con tale auspicio il sindaco Murzi e l’ambasciatore Bagdassarian si sono salutati, con l’impegno di porre in essere quanto prima iniziative concrete.

di Redazione

Degrado in piazza Mazzini: la fontana diventa una toilette

-

L’acqua pubblica utilizzata per l’igiene intima, di fronte ai passanti, senza alcun pudore. E poi altri soggetti, che abitualmente stazionano in piazza, sorpresi a urinare dietro le palme. “E di prima mattina accade anche di peggio” – ci raccontano lontano dalle telecamere i titolari del Carmencita, bar che si affaccia su via Mazzini, punto di ritrovo di giovani e turisti. Bivacchi continui, bagni e docce nella fontana, e altri bisogni fiosologici espletati nel salotto buono cittadino. “Per i turisti che a piedi scendono dalla stazione è decisamente un pessimo biglietto da visita per una città che fa pagare cara una giornata al mare” – fanno notare gli esercenti della piazza.

Episodi di degrado che scatenano le lamentele degli operatori del turismo, mettendo a nudo allo stesso tempo le disparità e i disagi economici e sociali della città.

di Redazione

Il Meeting emigra a Livorno: “Ma speriamo di tornare in Versilia”

-

Indisponibile da tre anni la piscina di Viareggio – per ragioni legate al dissesto del Comune. E adesso anche quella di Massarosa, dove l’amministrazione ha dato l’impianto comunale in gestione alla società Acquatica di Paolo Bonciani con un contratto che quest’anno non prevede giorni a disposizione per eventi esterni. Un addio che arriva all’indomani dei trionfi azzurri di Federica Pellegrini, Gregorio Paltrinieri e Gabriele Detti che al meeting hanno nuotato e vinto e che al meeting, molto probabilmente torneranno, ma non più in Versilia.

Amareggiato per questo triste finale l’organizzatore Giovanni Battista Crisci, sopravvissuto alla strage di poliziotti del ’75.

Anche Riccione si era offerta di ospitare il Meeting ma alla fine è stata Livorno, città del campione Detti, ad accogliere a braccia aperte l’evento.

 

di Redazione

Strage di Viareggio: attese per giovedì le motivazioni della sentenza

-

Salvo ulteriori slittamenti a brevissimo il collegio giudicante – presieduto da Gerardo Boragine, affiancato da Nidia Genovese e Valeria Marino – renderanno noto nel dettagli il lavoro fatto in oltre tre anni di processo.

Con il 31 luglio infatti scade la proroga di ulteriori tre mesi, concessa in aggiunta ai 90 giorni annunciati alla lettura del dispositivo, che condannò tra gli altri  Mauro Moretti a sette anni – in qualità di ad di RFI fino al 2006 –  e l’ad di Fs Michele Mario Elia a 7 anni e sei mesi, e Vincenzo Soprano (numero uno di Trenitalia) a sette anni.

Gli avvocati degli imputati condannati in primo grado, i legali dei familiari delle vittime, così come i magistrati della Procura di Lucca attendono con impazienza le motivazioni per procedere con l’impugnazione della sentenza presso la Corte di Appello di Firenze, che appare scontata. Dopo la deposizione si aprono 60 giorni di tempo per il ricorso in appello.

Viareggio attende con il fiato sospeso quelle carte, che si annunciano molto corpose (da qui il possibile allungamento dei tempi). Con le motivazioni in mano, si conosceranno anche i termini e i contenuti del ricorso che si presume possa partire per fine anno.

 

 

 

di Redazione

Il duo Lopez-Solenghi sbanca la Versiliana, nel ricordo di Anna Marchesini

-

 Un ritorno alle origini dopo 15 anni di stop, ovvero dai tempi del Trio con l’indimenticabile Anna Marchesini, ricordata con affetto nel giorno del primo anniversario dalla sua scomparsa. Sotto i pini dannunziani, Lopez e Solenghi si sono confermati due cavalli di razza della comicità e del teatro italiano: accompagnati dalla Jazz Company diretta da Gabriele Comeglio, hanno divertito e appassionato il pubblico che ha riempito la platea tra sketch, imitazioni, gag e parodie.

di Redazione