Apre a Pietrasanta uno sportello contro la ludopatia

PIETRASANTA - Ci sono centinaia di "malati" di gioco d'azzardo in Versilia. E molti non lo sanno. Spendono quanti quando per l'alimentazione ed il triplo della spesa per l'istruzione dei figli (se ne hanno). Una dipendenza, al pari di quella da droga e alcol, che in Toscana colpisce almeno 20mila persone.

-

Decine i casi nel solo comune di Pietrasanta che per correre ai ripari ha attivato, in collaborazione con la Banca di Credito Cooperativo della Versilia Lunigiana e Garfagnana ed il gruppo Sims, uno sportello gratuito per contrastare quello che è un fenomeno in continua espansione così come il numero di macchine da gioco: 1 ogni 151 abitanti.

Nel frattempo partirà nei prossimi giochi la prima campagna “Chi non gioca non vince” con la finalità di “squarciare” il silenzio che veste la dipendenza da gioco d’azzardo.