Carnevale Pietrasantino: la Miss è del Pollino-Traversagna

PIETRASANTA - Enola Breschiani è la regina del Carnevale Pietrasanta. La Miss della contrata Pollino Traversagna è la più bella del reame. Teatro della Rocca sold out (370 biglietti staccati su 350 posti a sedere disponibili) per la serata evento del concorso di bellezza che ha incoronato venerdì 1 settembre la Bresciani.

-

Al secondo tentativo, dopo la partecipazione della scorsa edizione, la Bresciani ha centrato il bersaglio più prestigioso. Secondo posto per Federica Navari della contrada Il Tiglio / La Beca, terzo posto per Beatrice Leonardi portabandiera dei colori di Pontestrada. Il Carnevale Pietrasantino si apre ufficialmente con l’elezione della Miss chiamata a portare eleganza, bellezza, simpatia nel cuore della manifestazioni carnevalesche. Perfetta la macchina organizzativa messa in piedi dal Comune di Pietrasanta. Perfetta la conduzione di Claudia Aliperto e della miss in carica Maria Benedetta Bosi. Quattro i passaggi in passerella al cospetto della giuria presieduta da Alessandro Alessandrini indossando prima il costume di Carnevale, poi un dress code casual, il costume da bagno, ed infine l’abito da sera delle grandi occasioni. Ma alla fine, nonostante la difficoltà di fronte a tanta bellezza, la giuria ha scelto Enola. A premiare le Miss è stato il vice sindaco, Daniele Mazzoni insieme all’assessore alle tradizioni popolari, Lora Santini. “Una bella serata nel pieno spirito del Carnevale, un omaggio alla bellezza ma anche alla simpatia, – ha detto Mazzoni – siamo già in corsa verso il Carnevale 2018, a Pietrasanta  la magia del carnevale dura tutto l’anno”. Svelato anche il nome dell’artista che realizzerà il manifesto ufficiale: “E’ Giuseppe Carta. Sono sicura – ha anticipato la Santini – che ci regalerà un manifesto molto piccante”. Carta è l’artista che aveva realizzato i peperoncini giganti per Piazza Duomo. La sua esposizione, dal titolo gli “Orti della Germinazione” avevano richiamato nel centro storico oltre 50mila visitatori, piazzandosi al terzo posto tra le mostre più viste dal 2012 ad oggi solo dietro a Botero e Mitoray.